JEWEL'S DESIGN

Jewel modernity

 

What does it distinguish a modern jewel from an older one? A lot of things: asymmetry, dissonances, chromatism, mixture, poor and rich materials, the insertions, historical intrusions, revivals, abstract inventions...

What does unify a modern jewel to an older one? One thing only: fantasy wich, united to technique and creativuty, produces art.

These creations by Pitian are art products, at first so casual, erratic, strange and in the same way so involving, charming, beautiful.

Almost all jewels created by Pitian have a name, as an ancient masterpiece, but they have got a shape too not a shape as in a modern masterpiece, abstract, cubist, surreal, call you what you will.

Then you see that in order to a modern jewel, you don't need jewel only and taste, but you need culture too.

 

Bianca Tragni, writer and journalist

Modernità del gioiello

 

Cosa distingue un gioiello moderno da uno antico?

Tante cose: l'asimmetricità, le dissonanze, il multicromatismo, le commistioni, i materiali poveri e ricchi insieme, le mescolanze, le inserzioni, le incursioni storiche, le rivisitazioni, le invenzioni astratte...

Cosa unisce un gioiello moderno ad uno antico? Una sola cosa: la fantasia. Che, unita alla tecnica e alla creatività, produce arte.

Prodotti artistici infatti sono queste creazioni di Pitian, apparentemente così casuali, erratiche, strane; e contemporaneamente così intriganti, affascinanti, belle.

Quasi tutti i gioielli creati da Pitian hanno un nome, come un'opera d'arte antica; ma hanno anche una forma-non forma come un'opera d'arte moderna, astratta, cubista, surreale che dir si voglia.

Allora ti accorgi che vi è, dietro ogni nome e dietro ogni forma, un pensiero, un'idea, un concetto, una filosofia. L'artigiana-artista è anche una filosofa, nel senso stretto e proprio del termine.

Allora ti accorgi che per fare un gioiello moderno, non basta la moda e il gusto, ci vuole anche la cultura.

 

Bianca Tragni, scrittrice e giornalista



Collezione "Epoché"

Più di un gioiello: piccole opere d'arte da indossare, realizzate anche utilizzando parti di gioielli in disuso a cui si è emotivamente legati.


Collezione "Femme Fatale"

Una collezione nata per valorizzare l'irripetibilità di ciascuna donna.  Ciascun gioiello porta il nome di una "femme fatale" storica.
Non una riproduzione o imitazione ma un'ispirazione.


CLEOPATRA

Cesare convocò alla reggia Tolomeo e Cleopatra. Cleopatra temeva di cader vittima di un agguato del fratello tornando al palazzo, così ricorse a uno stratagemma. Si fece avvolgere da un suo fedele amico, Apollodoro Siciliano, in un grande tappeto legato con una cinghia. Apollodoro poi si presentò a Palazzo con il lungo involto sulle spalle e dicendo di dover consegnare un dono a Cesare... arrivò fino agli appartamenti del console. Qui al suo cospetto srotolò il tappeto e fu così che gli comparve davanti Cleopatra. La regina indossava gli abiti più sontuosi e succinti, i gioielli più pregiati e gli chiese protezione dal fratello. Le fonti narrano che l’effetto fu irresistibile.
 Ultima regina del Regno tolemaico d'Egitto e ultimo membro della Dinastia tolemaica. Il nome "Cleopatra" significa in lingua greca "gloria del padre".
 Fu anche una dei nemici più temuti e pericolosi, se non addirittura la più grande minaccia per la Repubblica romana; infatti oltre che disporre di una grossa flotta, di un esercito potente e di un regno ricco di risorse, aveva dalla sua parte anche un gran fascino, grazie al quale aveva piegato al suo volere due tra i più grandi condottieri romani: Giulio Cesare e Marco Antonio.

CLEOPATRA collier, with pearls and nacre.
Collier "Cleopatra", con perle e madreperla.


MATA HARI

Pseudonimo di Margaretha Geertruida Zelle, è stata una danzatrice e agente segreto olandese, condannata alla pena capitale per la sua attività di spionaggio durante la prima guerra mondiale.
Consacrata, il 18 agosto 1905, dopo l'esibizione al teatro dell'Olympia, come la «donna che è lei stessa danza», «artista sublime», e come colei che «riesce a dare il senso più profondo e struggent...e dell'anima indiana», Mata Hari si trovò ad essere desiderata tanto dai maggiori teatri europei quanto, come moglie, da ricchi e nobili pretendenti. La sua tournée in Spagna, nel gennaio 1906, fu un trionfo: venendo incontro alla fantasia, ingenua e torbida, costruita su realtà di paesi del tutto sconosciuti, Mata Hari offriva agli spettatori quanto essi si attendevano dalla sua danza: il fascino proibito dell'erotismo e la purezza dell'ascesi, in un assurdo sincretismo in cui la mite saggezza di un Buddha veniva parificata ai riti sanguinari - per quanto inesistenti - di terribili dee indù.
La sua esibizione nel balletto musicato da Jules Massenet, Le roi de Lahore, all'Opéra di Monaco ottenne, il 17 febbraio, un grande successo e lei venne salutata come «danzatrice unica e sublime» mentre il musicista francese, e anche Giacomo Puccini, si dichiararono suoi ammiratori.

MATA HARI necklace, with pearl, madrepore, colored nacre, turquoise paste, wood, tiger's eye, branches of coral, gold, silver, brass.
Collana "Mata Hari", con perle, madrepora, madreperla colorata, pasta di turchese, legno, occhio di tigre, rametti di corallo, oro, argento, ottone.


CIRCE


L'isola era coperta da fitta vegetazione, sembrava disabitata e Ulisse inviò in ricognizione parte del suo equipaggio. In una vallata, gli uomini scoprirono un palazzo, circondato da animali feroci, dal quale risuonava una voce melodiosa. Gli uomini, ad eccezione di Euriloco, entrarono nel palazzo e furono bene accolti dalla padrona, che altro non era che la maga Circe. Gli uomini furono invitati a partecipare a un banchetto ma, non appena assaggiate le vivande, furono trasformati in maiali, leoni, cani, a seconda del proprio carattere e della propria natura.
Giunse Ulisse e l'ammaliante Circe gli offrì una coppa affinché si dissetasse...

CIRCE parure, with baroque pearls, coral branches, Swarovski crystals, glass powder, zircons, oyster's section with pearls not taken, Murano glass, amethyst, fluorite.
Parure CIRCE, con perle barocche, rametti di corallo, sezione di ostrica perlifera con perle non prelevate, , cristalli Swarovski, polvere di vetro e zirconi, ametista, fluorite.


ATALANTA


Il padre desiderava un maschio e l'abbandonò sul monte Pelio. Qualche tempo dopo fu trovata da un gruppo di cacciatori che la crebbero e Atalanta divenne un'abilissima e famosa cacciatrice, così il padre la riconobbe.
Atalanta, per accontentare il padre, promise di sposarsi solo con chi l'avesse battuta nella corsa. Ogni pretendente che non fosse riuscito a superarla, sarebbe stato ucciso.
Nessuno riuscì a batterla finché non arrivò Ippomene che lasciò cadere tre mele d'oro durante la corsa. Atalanta ne risultò irresistibilmente attratta e si fermò ogni volta a raccoglierle perdendo così terreno prezioso e, infine, la gara stessa.

ATALANTA Earcuff, with pearl, amber (in two colors), golden wood, metallized crystals.
Earcuff ATALANTA, con perla di fiume, ambra (in due colori), legno dorato, cristalli metallizzati.


MEDUSA


Poseidone si invaghisce di Medusa e, trasformatosi in aquila marina, la rapisce, portandola in un tempio consacrato ad Atena dove la seduce. Medusa, che aveva capelli meravigliosi, nasconde per vanità il volto dietro un’egida della dea che la punisce: la bella capigliatura viene mutata in un groviglio di serpenti velenosi e chiunque la guarda viene pietrificato.

MEDUSA steel collier, with snake sculpture-jewel in gold and silver and with mosaic mirrors, garnet, vintage Murrina.
Collier MEDUSA in acciaio con scultura-gioiello in oro, argento, mosaico di specchi, granato, murrina vintage.


MEDUSA forearm cuff  with garnet (pomegranate).
Bracciale per avambraccio MEDUSA con granato.


MARY READ

La vicenda riguardante MARY READ nasce dal travestimento, ideato dalla madre, per nascondere le sue fattezze femminili. Mary era, infatti, figlia illegittima e sua madre, dopo la scomparsa in mare del marito e la morte di un figlio maschio, pensò di vestirla come il fratellino, per ottenere aiuto dalla suocera. Spinta da un carattere orgoglioso ed indipendente, Mary crebbe come un uomo e sfruttò i...l travestimento per arruolarsi su una nave da guerra e diventare successivamente soldato, combattendo nelle Fiandre.
Nell'esercito, s’innamorò di un uomo e, rivelatogli il suo segreto, lo sposò. Rimasta presto vedova e tornata alla vita militare, s’imbarcò in Olanda, su una nave diretta verso l'Oceano Indiano, ma la nave venne assalita dai pirati. Fu allora che Mary Read decise di unirsi ai bucanieri.
Cessato il travestimento e rivelatasi donna, Mary Read abbracciò la vita dei pirati dei Caraibi, in tutto e per tutto, partecipando agli abbordaggi, combattendo con coraggio ed impeto sulla nave di Calico Jack Rackham e ottenendo il rispetto degli altri pirati della nave, tra i quali un'altra “piratessa”, Anne Bonny.
A bordo, entrambe erano solite vestire abiti femminili, assumendo quelli maschili in occasione degli atti di pirateria e degli scontri armati. Mary Read, trovatasi un nuovo innamorato a bordo, un giorno che questi venne sfidato a duello, intervenne, sfidando a sua volta lo sfidante e riuscendo ad ucciderlo, due ore prima del confronto programmato col suo amante.
Le vicende di Mary Read si concludono nel 1720, quando la nave su cui si trovava venne catturata da una nave militare. Durante l'assalto, si distinse nuovamente per l'impeto, arrivando a sparare su alcuni dei suoi, da lei accusati di codardia.
Anche sul patibolo, il suo orgoglio non venne meno e sembra che si sia rivolta al capitano Calico Jack Rackham, rimproverandolo, perché se avesse combattuto come un uomo adesso non starebbe lì a farsi impiccare. Mary si sarebbe anche pronunciata a favore dell'impiccagione per i pirati, cosa che avrebbe tenuto lontano i vigliacchi dalla pirateria, dato che, senza una pena così dura: "molti di coloro che ora truffano le vedove e gli orfani e opprimono il vicino povero [...] si metterebbero a rubar sui mari, e l'oceano sarebbe stipato di furfanti, come la terra".
Fonte: Wikipedia


Collezione "Anìmula"

Il latino medievale indicava la farfalla come "anìmula", chiaro riferimento all'anima. In greco antico, infatti, farfalla si diceva "psiche". Per le donne che desiderano esprimere la propria anima.

©Pitian

 

 

 

 

"Melanargia - Red Passion". Sculpture-jewel with sections of shells, mother of pearl, bamboo coral, Swarovski crystals, gold and silver.
Award and Special Mention '&' Moda Made in Italy "2012.
Selected in the prestigious catalog "Artistar Jewels. Wearable art", Fausto Lupetti, Milan, 2013.

"Melanargia - Passione Rossa". Scultura gioiello con sezioni di conchiglie, madreperla, corallo bambù, cristalli swarovski.
Gioiello vincitore di Premio e Menzione Speciale "&' Moda Made in Italy" 2012.
Selezionato nel prestigioso catalogo "Artistar Jewels. L'arte da indossare", Fausto Lupetti, Milano 2013.

©Pitian

Scultura-gioiello Anìmula "Afrodite", con oro, argento, madreperla, conchiglie, cristalli.

©Pitian

Animula "Green Soul". Sculpture-jewel with triple pearl, shells, coral paste, swarovski crystals. Finished in gold, silver, antiqued gold.

Anìmula "Anima Verde". Scultura-gioiello con perla tripla, conchiglie, pasta di corallo, cristalli swarovski. Finiture in oro, argento, oro anticato.
 

©Pitian

Scultura-gioiello Anìmula "Eternity", con oro, argento, madreperla, conchiglie, perle rosa, cristalli metallizzati e cristalli swarovski "aurora boreale".

©Pitian

Sculpture-jewel Animula "PureHearth", with gold, silver, shells, pearls, crystals and nacre (mother of pearl).
Scultura-gioiello Anìmula "PureHearth", con oro, argento, conchiglie, perle, cristalli e madreperla.
 

©Pitian

Scultura-gioiello "Prima", con corallo bambù, conchiglie bordate in oro giallo, madreperla, oro, argento e polvere di vetro.
Foto: Paolo Lorusso.


Collezione "I Tesori del Mare"

"Il mare non ha paese nemmeno lui, ed è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare".
Giovanni Verga


Collezione "I Colori di Gea"


Collezione "Nazar"

Il fascino dell'Oriente.


Collezione "Classico ma non troppo"

Per chi non rinuncia al classico ma nemmeno all'originalità.


Collezione "Essenza"

La democrazia del gioiello. Stile e personalizzazione alla portata di tutti.


Collezione Uomo

Dettagli di Stile, realizzati con pietre e perle.


Collezione "Particolari"

Segnalibri-gioiello, sciarpette e foulard, catenine per occhiali, rosari-bracciale, orologi, reggi-borsa. Quando l'abitudine diventa qualcosa di speciale.


Collezione "Wedding Style"

Per le spose che curano se stesse e i particolari. Perché la vera eleganza risiede proprio in questo.


Object and images. In any case shapes. They could appear blurred as each of them could be the concretion of calming dreams or perhaps the Birth of boundless universes. Memories.They grow together in things to touch, to weigh, to pamper. And they deliver themselves to the time of history.

 

Nicola Troiani, art critic and teacher of Art's History

Oggetti, e immagini. In ogni caso, forme. Che appaiono mosse, come se ognuna fosse la concrezione di sogni rasserenanti o magari la nascita di sconfinati universi. Memorie. Che si rapprendono in cose da toccare da soppesare da accarezzare. E si consegnano al tempo della storia.

 

Nicola Troiani, critico d'arte e docente di Storia dell'Arte